IMU 2016




Si comunica che con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 31/03/2016 sono state deliberate le seguenti aliquote per l’IMU (Imposta Municipale Unica) per l’anno 2016:

 

Aliquote IMU

Anno 2016

Immobili adibiti ad abitazione principale appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 relative pertinenze

Detrazione € 200,00

(per pertinenze dell’abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all’unità ad uso abitativo)

0,40%

 

Aree Fabbricabili

1,06%

 

Terreni Agricoli

1,06%

 

Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo  catastale D

(RISERVA ALLO STATO GETTITO CALCOLATO CON ALIQUOTA 0,76%)

0,98%

 

Altri fabbricati

0,98%

  

NOTE: per tutte le fattispecie l’aliquota 2016 è rimasta invariata rispetto al 2015.


SCADENZE : 
16 giugno  2016  -  acconto 
16 dicembre 2016 – saldo
(oppure in un’unica soluzione entro il 16 giugno)


 

NOTE PARTICOLARI PER L’ANNO 2016


IMMOBILI CONCESSI IN COMODATO A PARENTI IN LINEA RETTA ENTRO IL PRIMO GRADO (genitori – figli)
: la Legge Finanziaria 2016 ha previsto l’abbattimento del 50% della quota di IMU da pagare se ricorrono le seguenti condizioni:

  1. il rapporto di parentela fra comodante e comodatario è solamente quello in linea retta di primo grado (genitori e figli);
  2. il contratto di comodato deve essere registrato presso l’Agenzia delle Entrate; per fruire della detrazione per tutto il 2016 il contratto deve essere stato registrato entro il 16 gennaio 2016; in caso contrario la detrazione sarà applicata proporzionalmente;
  3. il comodante (cioè colui che concede l’immobile) deve risiedere anagraficamente nel comune ove si trova ubicato l’immobile oggetto del comodato;
  4. il comodante deve possedere UN SOLO IMMOBILE ad uso abitativo in Italia (non sono da computare ad es. negozi, magazzini, ecc..) oppure, oltre a possedere l’immobile dato in comodato, può essere proprietario anche di un solo altro immobile ad uso abitativo ubicato nello stesso comune ed adibito ad abitazione principale (ad esempio il padre è proprietario di due abitazioni site nel comune di Cona di cui una è adibita a propria residenza e l’altra è concessa in comodato al figlio che vi risiede).
  5. gli immobili ad uso abitativo non devono appartenere alle categorie A/1, A/8 e A/9 (per le quali continua a pagarsi l’IMU per intero).


Per ulteriori specificazioni si fa riferimento alla nota del Ministero dell’Economia e Finanze n. 1/DF del 17 febbraio 2016.

UNITA’ IMMOBILIARI URBANE A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE CLASSIFICATE IN CATEGORIA CATASTALE D ED E. NUOVI CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DELL’OGGETTO DELLA STIMA DIRETTA:
Si fa riferimento alla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 2/E del 01 febbraio 2016.