"Le Villette", il giudice passa la parola ai consulenti di parte



Venezia

Il quattro luglio il giudice per le indagini preliminari Stefano Manduzio sentirà i consulenti di parte per cercare di sbrogliare quella matassa che è diventata la vicenda legata al complesso "Le Villette" a Pegolotte di Cona . Tre palazzine di dodici appartamenti in via Treviso. Da oltre due anni il Pm Giorgio Gava sta indagando con le ipotesi di abuso d'ufficio, falso e abuso edilizio nei confronti di tre persone ma la materia si sarebbe rivelata molto complessa e prima di arrivare all'udienza preliminare, il magistrato intende vederci chiaro, soprattutto in relazione alle posizioni diametralmente opposte delle parti in causa.

Gli indagati sono la titolare della società «3B Immobiliare» Giuseppina Buratto, il figlio Dario Battistini e un funzionario comunale. Secondo l'accusa, l'abuso d'ufficio sarebbe stato commesso da Battistini, geometra, progettista delle tre palazzine e soprattutto consigliere comunale di una lista civica collegata al centrodestra all'epoca della concessione dell'autorizzazione a costruire sul terreno della madre. Il terzo indagato è l'ex responsabile del settore edilizia del Comune, Luca Eberini.

Le indagini avevano preso il via sull'onda di un esposto presentato dall'ex sindaco Primo Frizzarin, che aveva segnalato quelle che riteneva irregolarità alla Procura. Acquisiti gli atti e svolti gli accertamenti di polizia giudiziaria, il Pm Gava sostiene che al momento di votare la concessione Battistini, progettista e figlio della proprietaria, non solo non si sarebbe astenuto ma avrebbe votato a favore. Sempre secondo le accuse, le irregolarità edilizie sarebbero state numerose. Proprio per questo la Provincia aveva annullato il permesso a costruire concessa dall'amministrazione comunale. A fine ottobre del 2005 la magistratura aveva disposto il sequestro degli immobili, provvedimento poi annullato dal Tribunale del riesame.

Il Comune di Cona si è costituito ora parte civile nel procedimento, ma la difesa sostiene di aver svolto tutte le pratiche regolarmente e di aver subito solo danni da tutta questa vicenda.



Tratto da:

link esterno al quotidiano Il Gazzettino di Giovedì, 3 Maggio 2007