La grande musica ritorna ...



La grande musica ritorna a Corte Civrana. Lo splendido scenario della corte di Pegolotte di Cona ospiterà questa sera, alle 21, la quarta edizione di "Corte Civrana in Musica" con un concerto lirico sinfonico di grande prestigio.

Oltre all'orchestra e al coro "Serafin", è prevista anche la presenza di quattro solisti (rispettivamente soprano, mezzosoprano, tenore e basso): un numero complessivo di ben 120 esecutori per i quali sarà predisposto un palco di circa 200 metri quadrati. Sotto la direzione del maestro Renzo Banzato, insieme all'orchestra e al coro si esibiranno quattro interpreti di assoluto rilievo nel panorama della lirica internazionale: un ottimo cast vocale che il direttore cavarzerano ha saputo riunire cercando di sfruttare e valorizzare al meglio le specifiche peculiarità vocali e musicali. Il programma si preannuncia assai interessante e coinvolgente, poiché prevede l'esecuzione delle pagine più significative e rappresentative della produzione operistica europea.

Ampio spazio verrà riservato a Giuseppe Verdi, con selezioni tratte da "Nabucco" ("Va pensiero" e "Preghiera di Zaccaria"), "La Traviata" ("Si ridesta in ciel l'aurora"), "I Lombardi alla prima Crociata" ("Coro di crociati e pellegrini"). Particolare rilievo sarà dato anche a Rossini, con due selezioni da "Il Barbiere di Siviglia" ("Sinfonia" e "La calunnia è un venticello"), Puccini ("Nessun dorma" da "Turandot", seguito da "E lucevan le stelle" da "Tosca"), Gluck ("Che farò senza Euridice" da "Orfeo ed Euridice"), Offenbach ("Belle nuit, o nuit d'amour" da "Les contes d'Hoffmann"), Bizet ("L'amour est un oiseau rebelle" da "Carmen") e del compositore contemporaneo Luigi Donorà ("Intermezzo" da "Venite Pueri").

Se lo scorso anno il concerto fu seguito da tremila spettatori, l'edizione 2007 prevede un numero di presenze ancor più consistente. L'organizzazione della serata, che si avvale del supporto artistico di Veronica Scarpa (arpista dell'orchestra " Serafin"), è a cura del "Comitato 18 luglio" presieduto da Roberto Curto. Ingresso libero, ma per la prenotazione delle poltroncine gratuite è necessario chiamare il numero telefonico 334-2347845.

Mattia Da Re



Tratto da:

link esterno al quotidiano Il Gazzettino di Domenica, 2 Settembre 2007