«Una ragazza solare, sempre pronta al sorriso»



IL CORDOGLIO DI PEGOLOTTE E CONA

C'è profondo sgomento a Pegolotte di Cona per la tragica scomparsa di Silvia Fiorin, la ragazza 27enne morta venerdì notte a causa di un incidente stradale sulla strada che porta a Pontelongo da Piove di Sacco, all'altezza del Ponte del Bacchiglione. Al civico numero 9 di via Vicenza, dove Silvia viveva con la sua famiglia, c'è comprensibilmente poca voglia di parlare, e l'unico a riuscire a trovare qualche parola è il fratello di Silvia, Alberto: "Silvia l'altra sera si era recata a Mestre con degli amici, poi al ritorno era stata accompagnata a Piove di Sacco dove lei aveva lasciato la sua auto. Lei stava tornando a casa quando è successa la tragedia e sapeva molto bene che quel punto della strada era molto insidioso, poiché percorreva quella strada ogni giorno tornando dal lavoro".

Silvia era infatti proprietaria del negozio Stefanel di Piove di Sacco ed anche per questo era molto conosciuta nella zona. Ieri al bar "The Wall" di Pegolotte, che Silvia era solita frequentare con gli amici, c'era molta costernazione e tristezza tra la gente.

"Nonostante lavorasse fuori paese, Silvia era molto conosciuta e benvoluta da tutti - racconta Andrea, un suo amico - era una ragazza bellissima e solare che amava aver cura del suo corpo ed aveva un carattere cordiale ed espansivo con tutti; ci mancherà tantissimo".

Anche Giancarlo Gheller, un vicino di casa della famiglia Fiorin, descrive Silvia come "una ragazza solare che si contraddistingueva per la sua bellezza ed il suo sorriso".

Anche il sindaco di Cona , Anna Berto, è molto colpita dalla tragedia. "Conoscevo di vista Silvia poiché a volte frequentava la stessa compagnia di mio fratello. Era una ragazza molto bella e fine nei modi, sempre sorridente ed espansiva. Aver perso una ragazza così provoca un profondo dolore per tutto il paese."

Mattia Da Re



Tratto da:

link esterno al quotidiano Il Gazzettino di Domenica, 28 Ottobre 2007