Asl 14, non viene escluso un periodo di transizione affidato ad un commissario



VERSO IL RINNOVO DELLE CARICHE

Chioggia

A poco più d'una settimana per il rinnovo delle cariche direttive delle Asl la soluzione più gettonata per quanto riguarda la 14, Chioggia, Cavarzere, Cona ed altri nove Comuni della Saccisica, compresa Piove di Sacco, è quella di tipo tecnico. Vale a dire la nomina di un commissario che dovrebbe traghettare queste realtà nella transizione conseguente alla decisione dei Comuni della Saccisica di lasciare la 14 per entrare nell'Asl 16 di Padova. Il Consiglio comunale di Chioggia già s'è pronunciato sulla questione: preliminare a qualsiasi discorso riguardante l'assetto dell'Asl, l'andare con uno o con un altro è la dotazione strutturale, organica e delle attrezzature dell'ospedale. Anzi i primari in servizio a Chioggia, seguiti anche da altre organizzazioni come Cittadinanzattiva, hanno posto il problema della costruzione di un nuovo ospedale. Cavarzere s'è pronunciata a favore del mantenimento dell'Asl 14 anche con un bacino d'utenza dimezzato rispetto a quello attuale. Quanto alla Saccisica, esclusa Legnaro che ha già deciso con un referendum il passaggio all'Asl 16, i Comuni interessati si pronunciano domani. L'esistenza di un progetto di legge regionale che prevede il loro passaggio alla Asl 16 lascia poche incertezze sull'esito di tali decisioni. Tecnicamente lo scorporo dell'Asl 14 e l'aggregazione dei Comuni della Saccisica all'Asl 16 richiederà, questa la valutazione degli addetti ai lavori, almeno un anno. Un periodi di transizione durante il quale affidare l'Asl 14 ad un commissario, anche se la normativa vigente non prevede precisamente una soluzione del genere.



Tratto da:

link esterno al quotidiano Il Gazzettino di Mercoledì, 19 dicembre 2007