I dipendenti: źNon smembrate l'assetto dell'Asl 14╗



L’APPELLO

Chioggia

Va evitata la frammentazione dell'Asl 14 (Chioggia, Cavarzere, Cona e nove Comuni della Saccisica), soprattutto se un'operazione del genere dovesse avvenire in mancanza di un preciso progetto e senza la cornice del Piano regionale sociosanitario ancora abbondantemente in bozza. Questo il parere di dipendenti dell'Asl, dai semplici impiegati ai dirigenti. "La direzione generale - si legge in un comunicato del personale - ha ottenuto eccellenti risultati nel governo delle attività ospedaliere e di quelle territoriali. Lo si può constatare dall'andamento dei ricoveri, dalle prestazioni specialistiche, dalla razionalizzazione della stessa spesa farmaceutica, dallo sviluppo della attività territoriali e dall'attivazione di tutte le Unità operative territoriali previste dalla normativa regionale".

Importante per l'utenza è che gli sforzi organizzativi e gestionali compiuti negli ultimi anni, anche per garantire un giusto equilibrio tra l'area di Chioggia e quella di Piove di Sacco, che non hanno manifestato rapporti sempre idilliaci, abbiano continuità in modo da garantire ulteriori miglioramenti della capacità di erogazione dei servizi e per avviare concretamente l'attuazione del Piano di zona approvato dalla Conferenza dei sindaci. Parti integranti del quale sono il Piano della domiciliarità, quello della non autosufficienza e quello della disabilità che attendono di essere attuati per dotare il territorio dei necessari servizi di filtro.

"Il commissariamento (che al momento sembra la soluzione più probabile per un'Asl come la 14 destinata allo smembramento e molti sono sicuri che domani il governatore Galan confermerà l'incarico di commissario al dg dell'Asl 12, Antonio Padoan, ndr) penalizzerebbe tutti i servizi dell'Asl - sostengono i dipendenti - e in particolare il presidio ospedaliero in un momento in cui è necessario incrementare e rinnovare l'esistente e completare nuovi fondamentali servizi come quello di cardiologia".



Tratto da:

link esterno al quotidiano Il Gazzettino di Domenica, 30 dicembre 2007