Centrali turbogas Anche AN dice no



Cona

Incontro, ieri pomeriggio, tra la settima commissione del Consiglio regionale, presieduta dall’assessore Fabio Gava, e il sindaco di Cona, Anna Berto, alla guida di una delegazione che comprendeva anche i comitati ambientalisti di Cavarzere e Correzzola. In discussione la progettata realizzazione di due centrali a turbogas, a pochi chilometri l’una dall’altra, una a Cantarana, in comune di Cona e una a Loreo. Il sindaco Berto ha ribadito la contrarietà della sua amministrazione a questi impianti, evidenziando come la ricaduta delle polveri sottili e ultrasottili emesse, colpirebbe le province di Padova, Venezia e Rovigo, con conseguenze non solo sulla salute umana ma anche sulle coltivazioni di pregio e sulle aree faunistiche presenti in zona. Da notare anche che i due nuovi impianti si inserirebbero in un territorio già penalizzato dalla presenza di altre centrali e impianti energetici. Al termine dell’incontro, i consiglieri di Alleanza Nazionale, Piergiorgio Cortelazzo e Moreno Teso hanno voluto sottolineare la piena identità di vedute con il sindaco di Cona: «Con la riconversione a carbone della centrale di Porto Tolle il progetto di Cantarana sarebbe del tutto inutile - hanno spiegato - An ha subito assunto una netta posizione di contrarietà verso la costruzione di queste nuove centrali che avrebbero solo ricadute negative per il territorio».

(Diego Degan) 



Tratto da:

link esterno al quotidiano La Nuova di Venezia di Mercoledì, 15 febbraio 2006