La centrale di Cantarana va in Consiglio



Chioggia

La centrale elettrica a turbogas di Cantarana approderà anche in consiglio comunale a Chioggia. Giovedì, con la partecipazione del sindaco di Cona, Anna Berto, c’è stata una riunione della commissione Ambiente, presieduta dall’assessore Giorgio Varisco, che ha esaminato l’ordine del giorno di contrarietà all’insediamento della centrale che è stato già approvato dal consiglio comunale di Cona, da quello di Cavarzere, di Adria, di Piove di Sacco e altri ancora. Berto ha spiegato che la centrale che la ditta Elettra Gll vorrebbe costruire nella frazione di Cantarana, avrebbe un impatto su una vasta area circostante. Le emissioni di polveri sottili, lo specifica uno studio commissionato dalla stessa Elettra Gll, ricadrebbero su una vasta area che comprende una ventina di comuni delle province di Padova, Rovigo e Venezia, tra cui Chioggia. Di qui l’idea di creare un vasto fronte che, anche in termini di interesse elettorale, faccia pressione sugli amministratori regionali perché la Regione dia parere negativo a questo insediamento. Le emissioni, infatti, risultano formalmente al di sotto dei limiti di legge, ma poiché le conseguenze delle polveri sulla salute umana non sono ancora state approfonditamente studiate, il comune di Cona chiede di negare l’autorizzazione. Aggiungendo come argomenti l’autosufficienza energetica del Veneto e i blocchi del traffico dovuti, appunto, alle polveri. I consiglieri di centrosinistra hanno aderito in pieno alla linea del Comune di Cona, più prudenti quelli del centrodestra che hanno lamentato una sorta di accusa alla Regione.

(Diego Degan) 



Tratto da:

link esterno al quotidiano La Nuova di Venezia di Lunedì, 14 febbraio 2005