Il sindaco Parisotto: "Grande scorrettezza politico-istituzionale"



Cavarzere

Dopo l'intervento dell'assessore provinciale al Personale, decentramento e Urp, Lilli Carnieletto (Pdci) in merito alla designazione del territorio cavarzerano come sede del nuovo impianto per il compostaggio, arriva la piccata risposta del sindaco di Cavarzere Pier Luigi Parisotto: "Aldilà della grande scorrettezza politico istituzionale nei confronti degli amministratori cavarzerani, che da tempo hanno un proficuo rapporto con l'assessore Ezio Da Villa, l'assessore Carnieletto ha deciso per una bella entrata a gamba tesa in una materia a lei sconosciuta e, come spesso usano fare gli amministratori vetero-comunisti, decidendo sulla testa altrui, cosa che da anni la Provincia di Venezia usa fare per il territorio e gli amministratori cavarzerani."

"L'assessore Carnieletto decide - sottolinea Parisotto - ad imperio e senza un minimo di considerazione nei nostri confronti, di collocare a Cavarzere un impianto i cui versamenti inquinerebbero i terreni. Mi domando come Carnieletto possa pensare che il sindaco di Cavarzere, come del resto i colleghi di Chioggia e Cona, possa accettare un impianto che si sa già che inquinerà, solamente per fare piacere ad un quartiere clodiense, viste le imminenti elezioni, a discapito nostro. Credo che il suo comportamento sia quanto di più squalificante, sotto il profilo politico e istituzionale, possa esistere, tutto per una manciata di voti, visto l'avvicinarsi delle elezioni per il comune di Chioggia".

"Bene ha fatto il mio assessore Francesco Giuriato - continua Parisotto - a smentire su tutta la linea ed il sottoscritto aggiunge che l'unica certezza, qualora le cose rimangano su questi binari, è che a Cavarzere non ci sarà alcun impianto di compostaggio. Ma credo che i colleghi di Chioggia e Cona, se le cose stanno come l'assessore Carnieletto dice, avranno molto di che pensare".

Parisotto si scaglia anche contro il presidente Davide Zoggia: "Se invece la situazione fosse ancora quella che ci aveva prospettato l'assessore Da Villa, collega della Carnieletto, credo che il presidente Zoggia farebbe bene a prendere il coraggio a due mani per stabilire la verità sul tema del compostaggio, che non è di destra e nemmeno di sinistra, attraverso opportune decisioni nei confronti dell'uno e dell'altro assessore, non con semplici censure ma con atti concreti. Il comportamento assunto dall'assessore Carnieletto, se lasciato passare nella speranza che la gente dimentichi, è quanto di più negativo esista per allontanare la gente dalla politica, lasciando i problemi irrisolti e mettendo in difficoltà gli amministratori locali. Zoggia è responsabile di questo e mi attendo da lui atti concreti."

Mattia Da Re

 


Tratto da:

link esterno al quotidiano Il Gazzettino di Mercoledì, 31 Gennaio 2007